Come mi vesto?

Portamento, eleganza, femminilità, il punto forte delle donne!

Per strada, in ufficio, in negozio, al parco la prima cosa che osserviamo è l’abbigliamento, il portamento e lo stile.

Il corpo è unico e bello e decide dove posizionare il grasso, la taglia di reggiseno, la misura del polpaccio, la caviglia.

Non possiamo stravolgerlo.

Trovare ed identificare la propria forma del corpo aiuta a prendere consapevolezza ad accettarsi e capire quali abiti indossare.

Non si può proprio pensare di sapere come vestirsi bene se non abbiamo prima imparato a conoscere a fondo il nostro corpo, e grazie a questo sapremo valorizzarlo mettendo in evidenza i suoi pregi.

 

In Italia, le forme del corpo più comuni sono 5:

a cerchio detta anche a mela

a triangolo detta anche a pera

a triangolo capovolto

a clessidra

a rettangolo detta anche a grissino

 

La donna cerchio o a mela, tende ad accumulare il peso nella zona dell’addome.

Generalmente la sua vita non è mai definita ed il seno è poco prosperoso.

La donna a mela, ha spalle e bacino della stessa misura con punto vita inesistente. Tutto il grasso è localizzato da sotto il seno al bacino.

Quando pensiamo al tipo di abbigliamento ideale la tendenza è quella di enfatizzare il suo punto di forza ossia le gambe che generalmente sono magre. Ci si può sbizzarrire con gonne o vestiti a metà coscia e scarpe con tacco particolare.

Tutto quello che possa attirare l’attenzione in questa zona va bene.

Abiti scampanati e dritti con scollo a V e scuri.

La lunghezza ideale è a metà coscia.

Bene anche con abiti a stile impero a patto che non ci sia un seno molto importante.

Gonne a vita bassa dritte o svasate che arrivano a metà coscia saranno le più indicate.

I pantaloni assolutamente dritti, ne stretti in fondo, ne eccessivamente svasati.

Da evitare le magliette che finiscono con elastico. L’importante è indossare maglie leggermente svasate e sottili.

Ok allo stile impero che cade comodo sui fianchi.

Per le camicie meglio dritte non molto lunghe e con sollo a V.

Via libera ai leggings se portati con un capo che copre i fianchi ed anche calze coprenti molto lavorate a fantasia.

Per le scarpe, no ai tacchi a spillo. Meglio giocare con i tacchi più strani, a strega, a spirale o zeppe.

 

Il fisico a pera o triangolo è piccolo nella parte superiore ed accumula il  grasso dalla vita in giù, su pancia fianchi e cosce.

Solitamente ha un seno contenuto ed anche il punto vita è sottile.

Nella donna triangolo il punto forte è la vita. Quindi colori scuri dalla vita in

giù, chiari invece per il torace, mai il contrario.

La vita va sempre portata in primo piano, con capi a vita alta e vestiti svasati con cintura in vita.

Molto bene le giacche a metà fianco modello slim.

Per le gonne, fantastiche quelle a ruota, a palloncino a longuette purchè a vita alta. Concesso il tubino purché di tessuto rigido e adattato da una sarta.

La lunghezza ideale è al ginocchio.

I pantaloni di colore scuro o con trama piccolissima a vita alta, modelli a palazzo, a zampa o comunque dritti.

Piccolo trucco…… è meglio i pantaloni con tasche sul sedere, distolgono l’attenzione.

Maglie aderenti di colore chiaro anche in fantasia vivaci.

I cardigan lunghi vanno utilizzati sempre abbottonati in mezzo e mai fino in fondo.

Promosse le camicie portate dentro le gonne o pantaloni sempre con cintura.

Per quanto riguarda le scarpe sicuramente il tacco alto decolletè, sandali o stivali alti con tacco.

 

La donna a triangolo capovolto ammucchia tutti i grassi nella parte superiore, collo, seno, braccia, schiena e pancia.

Solitamente ha fianchi stretti e gambe affusolate.

La donna con questa struttura deve evitare capi lunghi a tunica e molto larghi sul seno per evitare effetto “sacco di patate”.

Obiettivo è minimizzare le spalle.

Colori scuri per la parte superiore e chiari o fantasia per la parte inferiore.

Giacche corte e scure, molto bene le cinture, i cinturoni per puntare sul giro vita. Scegliere modelli con applicazioni o fantasie concentrate sul torace e mai sulle spalle.

Fantastiche le minigonne, le gonne svasate, strette, lunghe con colori chiari oppure in fantasia.

Ok ai vestiti morbidi con cintura.

Via libera a tutti i tipi di pantaloni.

Le camicie si, solo se portate dentro i pantaloni e se elasticizzate.

Maglie in tessuti elastici e con scollature contenute di colore scuro.

Infine si consigliano scarpe con tacco basso fino a 5 cm e ballerine.

 

Le donne con un fisico a rettangolo o grissino non accumulano peso ma lo distribuiscono uniformemente.

I fianchi sono della stessa larghezza delle spalle, poche forme e punto vita quasi inesistente.

Su questo fisico si focalizza la moda

La donna a grissino é longilinea e proporzionata.

Si può giocare bene con capi colorati, fiori e forme geometriche.

Può indossare quasi tutto con disinvoltura, capi larghi, stretti, corti o lunghi.

Giacche corte o più lunghe chiare o scure in base al look.

Per quanto riguarda gli abiti sarebbe meglio preferire tuniche o abiti che non evidenziano il punto vita.

Ok ai miniabiti in lana o cotone elasticizzato.

Molto bene le longuette, super-minigonne, gonne a palloncino ed anche le gonne lunghe alla caviglia.

Per i pantaloni e jeans promossa la vita bassa ed il taglio aderente. Ovviamente stanno molto bene anche i pantaloni a palazzo e quelli a sigaretta.

I leggings fanno risaltare le gambe e slanciano la figura.

Maglie e maglioni lunghi elasticizzati, a maglia grossa o sottili e le camicie anche molto lavorate con pizzi e voile, modelli larghi o stretti.

Infine ampia scelta di scarpe da indossare, alte, altissime o basse.

 

La donna a clessidra ingrassa in modo uniforme sia nella parte superiore sia nella parte inferiore.

Il suo punto vita è molto piccolo, definito e segnato. Il fiore all’occhiello!

Una donna tutta curve.

L’accessorio alleato per eccellenza è la cintura o cinturone che spezza la figura esaltando il punto vita esasperandolo.

Le sue forme prosperose ed in movimento impongono un look semplice con colorazioni neutre.

Abiti svasati che cadono morbidi sui fianchi, abiti stile impero e per le donne più audaci anche molto aderenti per far risaltare i fianchi.

Gonne, longuette, gonne a matita e svasate purchè al ginocchio e non troppo lunghe.

I pantaloni consigliati sono quelli aderenti, a vita alta oppure a zampa tendenzialmente scuri ed impreziositi da una cintura gioiello.

Per le maglie gli esperti consigliano modelli stretti che segnano le forme, scolli a v e modelli semplici.

Portate con grande fascino le camicie accavallate a cuore con fiocco in vita, e le camicie strette indossate dentro i pantaloni.

Per le scarpe, sandali o stivali con tacco, alto o più basso.

Lo scopo è slanciare la figura.

 

Un pizzico di colore, la magia del modello ed il buon gusto sapranno impreziosire anche le donne più formose.