Bere acqua calda e limone al mattino: perché fa bene? Ecco i benefici e 6 ricette

Acqua e limone è un rimedio semplicissimo e alla portata di tutti per migliorare alcuni aspetti della nostra salute. Scopriamo allora tutti i vantaggi di bere acqua e limone al mattino, alcune ricette alternative ma anche le possibili controindicazioni di questa bevanda.

A volte andiamo alla ricerca di rimedi particolari o che vengono da lontano dimenticandoci che spesso abbiamo in casa degli ingredienti semplici ed economici che possono aiutarci a risolvere alcuni piccoli problemi di salute e farci sentire meglio. Uno di questi è il limone: un frutto che possiamo utilizzare in tanti modi, ad esempio preparare una bella tazza di acqua calda e limone. Acqua e limone è uno dei rimedi naturali più noti ed apprezzati che offre diversi benefici, in particolare se assunto di prima mattina. Dunque, per ottenere il massimo dei benefici, si consiglia di bere acqua e limone a digiuno e attendere un po’ di tempo (almeno 15-20 minuti) prima di fare colazione, in modo da dare tempo al rimedio di agire.

Scopriamo adesso tutti i benefici di questa bevanda.

C’è chi considera acqua tiepida e limone una sorta di doccia interna che possiamo offrire al nostro organismo ogni mattina. Così come laviamo l’esterno del nostro corpo, secondo la medicina naturale dovremmo anche stare attenti a tenere pulito l’interno dell’organismo utilizzando ad esempio acqua calda e succo di limone fresco.

I benefici di acqua e limone sono moltissimi: questa bevanda depura il fegato, migliora la digestione e aiuta la regolarità intestinale (sia in caso di stipsi che di diarrea). Molti vantaggi si evidenziano poi anche sul livello di energia della persona oltre che sulla salute della pelle, proprio per l’effetto disintossicante che assicura la bevanda se assunta regolarmente per un certo periodo. L’unione di acqua tiepida e limone è in grado poi di remineralizzare l’organismo e di aiutare il sistema immunitario a tenere lontani virus, batteri e altri microrganismi patogeni sia rafforzandolo che svolgendo un’azione disinfettante. Acqua e limone al mattino consente di risolvere un eventuale problema di alitosi, dato il potere rinfrescante del limone, contribuisce alla giusta idratazione del corpo e stimola anche il metabolismo, favorendo la perdita di peso (si tratta infatti di un rimedio naturale che spesso viene associato ad una dieta e a della attività fisica nell’ambito di un piano di dimagrimento personalizzato). Secondo la medicina naturale, acqua calda e limone è un rimedio efficace per regolare il pH dell’organismo soprattutto in caso di acidosi. La teoria vuole che, nonostante sia inizialmente acido, il limone una volta metabolizzato all’interno del nostro organismo, si trasformi in un frutto dal potere alcalinizzante.

6 ricette pratiche. Vediamo ora come fare la bevanda, partendo dalla ricetta base, seguita poi da 5 varianti. Vi consigliamo di assumere acqua e limone ogni mattina prima di fare colazione per sfruttare al massimo tutti i suoi benefici e di mangiare 15 minuti dopo l’assunzione.

 1 Acqua e limone:

ricetta base La ricetta base prevede l’utilizzo di due soli ingredienti: acqua calda o tiepida e il succo di circa 1 terzo di limone biologico. L’acqua deve essere calda, ma non bollente, per non compromettere il contenuto di vitamina C del limone. Si consiglia di iniziare spremendo il succo di circa 1 terzo di limone di media grandezza all’interno di una caraffa (o teiera) contenente 250 ml di acqua calda e di berla prima che si raffreddi, ma senza correre troppo, degustando l’acqua calda e limone come fosse un tè. Se il gusto risulta troppo aspro si può iniziare con dosi minori di succo, aumentando piano piano la quantità fino a che il palato non si abitua alla bevanda. Generalmente si consiglia di arrivare ad utilizzare il succo di mezzo limone. Importante però assumere acqua e limone a digiuno.

2 Acqua e limone con semi di lino:

Questa è una ricetta indicata in particolar modo a coloro che soffrono di stitichezza o diarrea, in quanto i semi di lino favoriscono la regolarità. Inoltre svolgono un’azione antinfiammatoria ed emolliente dell’apparato gastrointestinale. La bevanda si prepara facendo bollire per 2 o 3 minuti un cucchiaino di semi di lino in circa 300 ml di acqua (l’equivalente di una tazza), si filtra e si lascia in frigorifero il composto ottenuto per l’intera notte. Al mattino successivo si scalda la soluzione e si aggiunge il succo di limone. In alternativa, si può preparare lasciando in ammollo i semi di lino per l’intera notte. Al mattino successivo si filtra il composto, si scalda e infine si aggiunge il succo di mezzo limone. Se il composto risulta troppo “gelatinoso”, si può allungare con un po’ di acqua.

3 Acqua, limone e zenzero:

Acqua e limone si può arricchire anche con qualche fettina di zenzero fresco. Si prepara mettendo lo zenzero sbucciato e tagliato in un pentolino con una tazza d’acqua, si fa bollire il tutto a fuoco lento per 10 minuti, si lascia un po’ raffreddare e infine si aggiunge il limone.

4 Acqua e limone con curcuma:

Acqua e limone si può aromatizzare e arricchire anche con l’utilizzo della curcuma. Si può preparare in due modi: utilizzando curcuma fresca o curcuma in polvere. Nel primo caso si porta ad ebollizione una tazza d’acqua con dentro un pezzetto di curcuma, si fa bollire per circa 10 minuti, si filtra, si lascia stiepidire e solo all’ultimo si aggiunge il succo di limone fresco. Se si ha a disposizione la curcuma in polvere, si può semplicemente aggiungerne un pochino alla propria tazza di acqua tiepida e limone già pronta, mescolando bene.

5 Acqua, limone e lavanda:

Una variante molto gustosa è acqua, limone e lavanda. Si prepara un leggera tisana alla lavanda, mettendo in infusione in una tazza di acqua bollente un cucchiaino di fiori secchi di lavanda per 10 minuti. Una volta trascorso il tempo, filtrate, lasciate ancora un po’ stiepidire e aggiungete il succo di limone appena spremuto. Questa bevanda disseta, depura e distende il sistema nervoso, grazie alle doti calmanti della lavanda.

6 Acqua, limone e menta:

Per chi amasse i sapori rinfrescanti, soprattutto in estate, il consiglio è quello di aggiungere qualche fogliolina di menta fresca nel bicchiere contenente acqua calda e limone. La menta aggiunge un aroma fresco e deciso e rende questa bevanda davvero squisita e piacevole da sorseggiare. Controindicazioni di acqua e limone Questo rimedio semplicissimo non è esente da controindicazioni. Acqua e limone al mattino viene generalmente consigliata a tutti ma fanno eccezioni coloro che soffrono di insufficienza epatica o artrite cronica. In caso di gastrite lieve invece, si consiglia di cominciare con poche gocce di limone al mattino per valutare la propria tolleranza, poi, eventualmente aumentare nei giorni successivi in modo graduale. A tal proposito ricordiamo che sono molte le testimonianze di persone che hanno visto migliorare notevolmente i sintomi della gastrite bevendo regolarmente questa bevanda. Uno svantaggio che si può presentare a chi assume regolarmente e per lungo tempo acqua e limone a digiuno riguarda i denti. L’acidità del limone in bocca può intaccare lo smalto, per questo motivo, per ovviare al problema, c’è chi assume la bevanda utilizzando una cannuccia per evitare quindi il contatto del limone con i denti.

Avvertenze : Il succo di limone da utilizzare per questo rimedio è quello fresco, appena spremuto. Da evitare il succo di limone già pronto. Importante anche scegliere limoni non trattati o di provenienza biologica per fare in modo che nella bevanda depurativa non vi siano tracce di pesticidi. Si consiglia di cominciare con il succo di circa 1 terzo di limone per poi, eventualmente, incrementare fino a mezzo limone. Di fondamentale importanza anche la temperatura dell’acqua che dovrebbe essere calda o tiepida, non bollente o fredda. La giusta temperatura aiuta la metabolizzazione del rimedio naturale che può così agire al meglio all’interno dell’organismo.