Aperitivo, 5 consigli salvalinea.

Alleggerire il rito più “sociale” dell’estate, evitando di abbuffarsi? Ecco come tenere a freno la gola e l’appetito.

 

È un rituale che resiste a tutte le stagioni. D’inverno l’aperitivo è un modo per ritrovarsi con gli amici dopo l’ufficio o per stuzzicare qualcosa prima del cinema, quando non c’è tempo per sedersi a tavola.

D’estate diventa spesso un pasto vero e proprio, quando fa troppo caldo per cucinare o come spezzafame al rientro dalla spiaggia, in vista di una cena in tarda serata.

Ma tra salatini, pizzette e fritti vari, il conto delle calorie rischia di salire parecchio. Ecco qualche consiglio salvalinea:

  1. Bevete un bicchiere d’acqua prima di iniziare. L’acqua, priva di calorie, è una valida alleata per regolare il senso di fame. Attiva una serie di meccanismi metabolici conosciuti come termogenesi, ossia produzione di calore con dispendio energetico, che aiutano a perdere peso. Studi internazionali hanno dimostrano che bere 2 bicchieri d’acqua a temperatura ambiente 3 volte al giorno, preferibilmente in concomitanza dei pasti, aumenta del 30% il tasso metabolico. L’aumento comincia 10 minuti dopo aver bevuto e raggiunge il suo apice a distanza di 30 minuti. Secondo gli studiosi, ciò si deve al fatto che l’acqua, una volta introdotta nell’organismo, viene portata da 22°C a 37°C, un innalzamento della temperatura in grado di “bruciare” i grassi negli uomini e i carboidrati nelle donne. Inoltre lo stimolo della sete e quello della fame sono strettamente correlati, permettendo all’apporto di acqua di limitare l’appetito.
  2. Via libera alla frutta fresca, in macedonia, spicchi, spiedini, e alle crudité. Carote, finocchi e pomodori da intingere in un cucchiaione di olio valgono solo 90 calorie, saziano a lungo, sono gustosissimi e inoltre i grassi dell’olio aiutano gli attivi dei vegetali a essere assorbiti meglio. Masticateli lentamente: il segnale di sazietà raggiungerà il cervello in un lampo e direte stop prima del previsto.
  3. Preferite i sottaceti alle patatine. 30 grammi di queste equivalgono a 165 calorie! Inoltre sono ricche di sale, amico intimo di ritenzione idrica e cellulite.
  4. Un assaggino di pasta o riso va bene. Sono circa 190 calorie, ma occhio ai condimenti: in genere quelli in versione fredda (insalata di riso o pasta) sono più light dei piatti fumanti, ricchi di salse e sughi.
  5. Semaforo rosso per fritti vari, gamberetti affogati nella maionese o in salsa rosa. Un etto di salsa equivale a ben 600 calorie! Se siete in un locale di qualità, puntate sul sushi: è leggero, poco calorico ed è servito scondito.