Alluce valgo, rimedi

Alluce valgo, cipolla, sesto dito, in qualsiasi modo noi lo chiamiamo si tratta di una deformazione. L’alluce si appoggia alle altre dita con la contemporanea sporgenza mediale del primo osso metatarsale.

Si tratta di una sindrome molto spesso dolorosa, che tende a peggiorare con lo sfregamento della scarpa infiammando la parte.

I sintomi sono:

gonfiore nella zona interessata.

Dolore nella zona interessata, anche a riposo e con fitte prolungate.

Arrossamento ed ispessimento della pelle.

Difficoltà a camminare (a causa del dolore).

Sporgenza dell’osso.

Variazione della postura del piede.

Non sempre questi sintomi compaiono. In alcuni casi non si avverte nulla almeno nella fase iniziale, poi di colpo ci si accorge della crescita dell’osso e del progressivo peggioramento che generalmente si associa a determinate calzature.

In altri casi ancora, l’alluce valgo può evolversi in una sindrome posturale anche con lesioni ossee, e deformazione del piede.

Chi colpisce l’alluce valgo?

Nel 70% dei casi colpisce le donne ed in età matura.

Nelle persone molto giovani probabilmente la comparsa è legata ad una familiarità.

Quali sono le calzature consigliate?

Alla prima comparsa del dolore si attribuisce la colpa alle calzature, a punta troppo stretta oppure troppo alte, o rigide, ecc…

Tecnicamente le scarpe che non si adattano alla conformazione del piede, stringono le dita spingendo l’alluce contro le altre dita, in una posizione non naturale provocando dolore ed infiammazione.

La scarpa quindi deve essere morbida, e soprattutto si deve adattare al piede. Non deve essere molto alta neppure raso terra.

Diciamo che 6 cm è il tacco considerato ideale per una buona salute del piede.

Anche la punta non deve essere troppo rotonda neppure troppo stretta. Deve abbracciare bene le dita senza stringerle.

Quali sono i rimedi oggi disponibili?

Tra i rimedi naturali troviamo i classici massaggi che se fatti da personale competente possono lievemente correggere ed aiutare.

Gli esercizi che migliorare l’articolazione.

Gli impacchi che rendono morbida la callosità.

I tutori in materiale flessibile ergonomico che oltre a contenere il dolore promettono di migliorare la deformazione in soli 4 mesi riposizionando al giusto posto l’alluce.

In alternativa c’è sempre il rimedio chirurgico che va ad eliminare definitivamente l’alluce valgo.